Clicky

Sito di informazioni per il consumatore.

Gioca responsabilmente – Il Gioco è vietato ai minori.

Adm
Casino Sanremo: appalto dei ristoranti ad azienda bolognese

Si chiama Igea Group Srl l’azienda che si è aggiudicata l’appalto per il servizio di bar e ristorazione del Casinò di Sanremo. Il gruppo di Bologna non ha ancora ufficializzato il tutto firmando il contratto, ma la firma è attesa nelle prossime ore. Si tratta di una concessione che vede come protagonista un’azienda già molto nota nel settore della ristorazione, soprattutto nel Nord Italia, con molti locali fra Milano, Torino e altre città.

Appalto di bar e ristoranti del Casinò di Sanremo: l’offerta di Igea Group

Con l’ufficializzazione attesa nelle prossime giornate, è oramai deciso: da maggio la gestione dei 3 bar e del bistrot del Casinò sarà in mano a Igea Group. 

«Il nostro progetto migliorativo della ristorazione del casinò inizierà dalla qualità delle materie prime fino all’impiattamento: abbiamo notato uno stile molto Anni ’80 che vogliamo rinnovare con nuove soluzioni, sempre nel rispetto di un menu del territorio». Queste le prime parole della società multiservizi di Bologna, che ha vinto l’appalto formulando, a quanto risulta, l’unica offerta.

Una seconda proposta era infatti stata formulata, ma non era stata ritenuta valida dal Cda, che dunque l’aveva scartata per mancanza di requisiti tecnici. E così toccherà a Igea Group, azienda che parrebbe interessata non solo a prendere in mano la gestione dei bar e del bistrot del casinò, ma anche a presentare dei progetti di rinnovamento per rilanciare i ristoranti Biribissi e Roff Garden.

Casinò di Sanremo: la situazione

Una notizia che arriva poco dopo l’allarme lanciato dai sindacati. Già, perché il primo bimestre del 2022 avevano messo in evidenza una situazione preoccupante per il Casinò di Sanremo, con un flessione decisamente netta. E non era mancata anche la critica ad alcune scelte del cda, fra cui proprio quella di aver optato per il bando di affidamento di bar e ristorazione, che avrebbe potuto ridurre la qualità senza tutelare i 35 lavoratori dell’appalto.

Ora la palla passa al cda, che con la nuova gestione avrà da dimostrare la bontà della scelta. E chissà che il rinnovo del servizio di ristorazione non sia solo la prima di tante decisioni e rinnovamenti che porteranno il Casinò di nuovo in crescita.

Mondo Casino online